Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Eventi e spettacoli’ Category

Ciao, volete aiutare in modo semplice e gratuito la biblioteca Shahrazad e permetterle di continuare la sua attività presso il quartiere S. Salvario di Torino? Ora potete farlo: la biblioteca partecipa al concorso di Citroen Italia “1 Click Donation” che assegnerà due automobili alle due associazioni che avranno ricevuto più Click! Alla biblioteca servono quanti più click possono raccogliere entro il 26 agosto.

Partecipare è assolutamente gratuito.

Per aiutarla, dovete votare la biblioteca Shahrazad andando su questo sito:

http://www.citroen.it/attualita/eventi/1clickdonation

cercate la biblioteca Shahrazad  e cliccate sul tasto “MI PIACE” vicino al nome biblioteca Shahrazad.

Oppure se siete registrati su facebook lo potete fare al seguente link:

http://www.facebook.com/citroenitalia?sk=app_140625892682612&app_data=838

cercate la biblioteca Shahrazad  e cliccate sul tasto “MI PIACE” vicino al nome biblioteca Shahrazad.

Votate su tutte e due le pagine: sito internet e facebook!

Se cliccate “MI PIACE” sulla pagina di citroen italia: http://www.facebook.com/citroenitalia?sk=wall

il voto vale doppio!

Potete votare anche più di una volta, casa, ufficio, cellulare… case di amici, parenti ecc.

Se ancora non conoscete la biblioteca, questa è l’occasione per farlo! Potete trovare maggiori informazioni a questo link: http://www.bibliotecasansalvario.it/

oppure potete scrivere una mail a: biblioteca.shahrazad@gmail.com

La biblioteca vi ringrazia per l’aiuto e vi chiede gentilmente di diffondere l’iniziativa a tutti i vostri contatti.

Grazie a tutti!

Annunci

Read Full Post »

 

Dopo il successo della Notte Tricolore che il 16 marzo scorso a Torino ha dato il via alle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità, il programma di Esperienza Italia si arricchisce di quattro nuovi  appuntamenti in veste “Notte Tricolore” che si terranno in altrettanti luoghi del torinese, promossi dal Comitato Italia 150, dalla Provincia di Torino e dai Comuni organizzatori.

Si parte sabato 13 agosto con Susa, dove il programma prevede visite alla mostra “Susa, avamposto dei Savoia in Italia”, allestita nelle sale del Castello della Contessa Adelaide, l’apertura fino alle 24 del Museo Diocesano di Arte Sacra e intrattenimenti musicali e culturali nelle vie e nelle piazze cittadine.

Sarà poi la volta di Pinerolo, dove in concomitanza con l’annuale Rassegna dell’Artigianato del Pinerolese, sabato 10 settembre i musei cittadini resteranno aperti fino alle ore 23, mentre alle ore 21,30 in piazza Vittorio Veneto si potrà assistere al concerto gratuito del gruppo musicale Yavanna.

Si prosegue sabato 17 settembre con la Notte Tricolore di Rivoli, con un nutrito programma di iniziative che dal pomeriggio fino a tarda serata animeranno il centro cittadino e il Castello, con spettacoli teatrali, concerti, visite alle sale espositive del Museo d’Arte Contemporanea e agli allestimenti della prossima esposizione e il laboratorio gratuito “Italiae. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia” a cura del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli. Inoltre sono previste visite guidate notturne della città, l’esposizione del Tricolore realizzato dall’Associazione nazionale “Quilt Italia” e il mercatini dei produttori a cura della Coldiretti.

Ultimo appuntamento sabato 15 ottobre a Ivrea, per una serata di intrattenimenti caratterizzata da mostre sui prodotti simbolo dell’Italia e un raduno di vespe e lambrette, dall’anteprima del Photofestival all’anteprima del 22° Concorso nazionale di cori. Il tutto arricchito dall’apertura serale di alcuni beni culturali e da Vermouth party e cene a tema nei locali del centro storico.
In occasione dei quattro appuntamenti, è prevista l’apertura straordinaria degli esercizi commerciali e, in alcuni Comuni, servizi navetta nel centro cittadino.

In occasione dei quattro appuntamenti, è prevista l’apertura straordinaria degli esercizi commerciali e servizi navetta nel centro cittadino.

La Provincia di Torino è inoltre protagonista delle celebrazioni per il 150° con  il progetto “2011 itinerari. Luoghi del Risorgimento in provincia di Torino”: undici itinerari secondo undici aree tematiche per riscoprire il Risorgimento e la grande storia politico-economica d’Italia sul territorio.

In oltre 110 luoghi simbolo,  alla scoperta di edifici pubblici e privati, lapidi e iscrizioni,  cimeli, strade e piazze teatro di avvenimenti importanti,”2011 itinerari” ripercorre la storia militare e  sociale, industriale e letteraria che ha portato al processo unitario e alla nascita dell’Italia (AGENPARL)

Read Full Post »

La Fondazione per il libro, la musica e la cultura di Torino – in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia – ha affidato al presidente del Centro per il libro e la lettura, prof. Gian Arturo Ferrari, la cura della mostra “L’Italia dei libri”, dedicata alla storia del libro e dell’editoria nei 150 anni dell’unità nazionale.
La mostra, già presentata nell’ambito della 24a edizione del Salone del libro di Torino, è ospitata ora nella sede della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino dal 4 luglio al 6 agosto 2011.
Il percorso espositivo de L’Italia dei Libri è articolato in questo nuovo allestimento in due filoni principali – i 15 Superlibri e i 15 Personaggi – cui faranno da cornice i volumi nelle edizioni originali delle raccolte della Biblioteca Nazionale e le installazioni multimediali per uno sguardo interattivo sul futuro del libro fra digitale ed e-Book

Orario della Mostra:

dal lunedì al venerdì: dalle 9.30 alle 18.30

sabato: dalle 9.30 alle 13.30

Read Full Post »

 

(ANSA) – TORINO, 20 LUG – Oltre 48 mila visitatori e 1.300 giornalisti accreditati in tre giorni. E’ la ”potenza di fuoco” della scorsa edizione di Artissima, la fiera internazionale di arte contemporanea che anche quest’anno torna a Torino per la diciottesima volta (e per la seconda con la curatela di Francesco Manacorda). Le date sono le stesse di sempre, dal 4 al 6 novembre, e anche il luogo, l’Oval Lingotto; il menu e’ stato presentato nei giorni scorsi.

Artissima 18 ospitera’ circa 150 gallerie suddivise in quattro sezioni. La prima e’ la Main section, che raccoglie le gallerie piu’ rappresentative del panorama artistico mondiale scelte dal Comitato di selezione. Poi ci sono le New Entries: le piu’ interessanti giovani gallerie, con meno di cinque anni di attivita’ e presenti per la prima volta ad Artissima. Lo scorso anno erano 29, provenienti da 14 paesi.

La terza sezione, Present Future, e’ dedicata a un gruppo di artisti emergenti invitati da un team di curatori internazionali e presentati dalle loro gallerie di riferimento. Infine Back to the Future, inaugurata nel 2010 con l’intento di portare l’attenzione su artisti attivi negli anni ’60 e ’70 poco noti negli ultimi decenni, ma il cui lavoro e’ significativo oggi: una mostra a carattere museale di un gruppo di artisti selezionato da un Comitato curatoriale internazionale.

Il progetto curatoriale di Artissima 18 prosegue il percorso di ricerca sullo scenario futuro dei musei, avviato la scorsa edizione con la Casa delle Contaminazioni. E lo fa con due progetti. Il primo si chiama ”Approssimazioni razionali semplici” ed e’ collocato al centro del padiglione della fiera.

E’ un progetto per un museo immaginato dall’artista torinese Lara Favaretto in collaborazione con Francesco Manacorda. Questa ”istituzione provvisoria”sara’ modellata su alcune funzioni tradizionali dei musei di arte contemporanea ri-pensando il loro modus operandi, e proporra’ una selezione di progetti gia’ esistenti o di nuove proposte da parte di singoli, collettivi e istituzioni, scelti nel panorama artistico mondiale per la loro capacita’ di inventiva nel re-immaginare metodi operativi e programmatici.

Il secondo progetto fa il verso alla mostra del cinema di Venezia: Artissima Lido e’ un programma di mostre e eventi al di fuori della fiera e dei suoi orari di apertura, nel centro di Torino. Nel quartiere medioevale del Quadrilatero Romano, ad esempio, ci saranno spazi no-profit gestiti da artisti provenienti da tutta Italia. E punto di partenza per una passeggiata nel quartiere sara’ l’Artissima Social Bar, un locale temporaneo dove il mondo dell’arte e i visitatori della fiera potranno incontrarsi ogni sera.

Tutte le informazioni e il programma completo compariranno man mano sul sito http://www.artissima.it.

Read Full Post »

 

(ANSA) – TORINO, 20 LUG – Oltre 48 mila visitatori e 1.300 giornalisti accreditati in tre giorni. E’ la ”potenza di fuoco” della scorsa edizione di Artissima, la fiera internazionale di arte contemporanea che anche quest’anno torna a Torino per la diciottesima volta (e per la seconda con la curatela di Francesco Manacorda). Le date sono le stesse di sempre, dal 4 al 6 novembre, e anche il luogo, l’Oval Lingotto; il menu e’ stato presentato nei giorni scorsi.

Artissima 18 ospitera’ circa 150 gallerie suddivise in quattro sezioni. La prima e’ la Main section, che raccoglie le gallerie piu’ rappresentative del panorama artistico mondiale scelte dal Comitato di selezione. Poi ci sono le New Entries: le piu’ interessanti giovani gallerie, con meno di cinque anni di attivita’ e presenti per la prima volta ad Artissima. Lo scorso anno erano 29, provenienti da 14 paesi.

La terza sezione, Present Future, e’ dedicata a un gruppo di artisti emergenti invitati da un team di curatori internazionali e presentati dalle loro gallerie di riferimento. Infine Back to the Future, inaugurata nel 2010 con l’intento di portare l’attenzione su artisti attivi negli anni ’60 e ’70 poco noti negli ultimi decenni, ma il cui lavoro e’ significativo oggi: una mostra a carattere museale di un gruppo di artisti selezionato da un Comitato curatoriale internazionale.

Il progetto curatoriale di Artissima 18 prosegue il percorso di ricerca sullo scenario futuro dei musei, avviato la scorsa edizione con la Casa delle Contaminazioni. E lo fa con due progetti. Il primo si chiama ”Approssimazioni razionali semplici” ed e’ collocato al centro del padiglione della fiera.

E’ un progetto per un museo immaginato dall’artista torinese Lara Favaretto in collaborazione con Francesco Manacorda. Questa ”istituzione provvisoria”sara’ modellata su alcune funzioni tradizionali dei musei di arte contemporanea ri-pensando il loro modus operandi, e proporra’ una selezione di progetti gia’ esistenti o di nuove proposte da parte di singoli, collettivi e istituzioni, scelti nel panorama artistico mondiale per la loro capacita’ di inventiva nel re-immaginare metodi operativi e programmatici.

Il secondo progetto fa il verso alla mostra del cinema di Venezia: Artissima Lido e’ un programma di mostre e eventi al di fuori della fiera e dei suoi orari di apertura, nel centro di Torino. Nel quartiere medioevale del Quadrilatero Romano, ad esempio, ci saranno spazi no-profit gestiti da artisti provenienti da tutta Italia. E punto di partenza per una passeggiata nel quartiere sara’ l’Artissima Social Bar, un locale temporaneo dove il mondo dell’arte e i visitatori della fiera potranno incontrarsi ogni sera.

Tutte le informazioni e il programma completo compariranno man mano sul sito http://www.artissima.it.

Read Full Post »

Il 18 febbraio 1861 Vittorio Emanuele II dichiarava aperta la prima legislatura del Regno d’Italia a Palazzo Carignano, nel padiglione appositamente costruito nel cortile per contenere i parlamentari provenienti da tutte le regioni dello Stato. L’aula provvisoria, in stile neogotico, sormontata da un imponente lucernario, era stata progettata daAmedeo Peyron e portata a termine in centotredici giorni. Durante i tredici anni trascorsi tra il 4 marzo 1848, quando Carlo Alberto aveva concesso lo Statuto e questa giornata fredda e grigia di fine inverno si erano concentrati a ritmo incessante avvenimenti di ogni sorta in campo politico, militare, diplomatico.

All’unificazione italiana e alla cacciata dello straniero avevano lavorato assiduamente su vari fronti le migliori menti del paese, spesso a costo di sacrifici enormi, e molti di essi ora sedevano ad ascoltare il discorso del sovrano.

I materiali in mostra consentono di ripercorre le fasi salienti del decennio di preparazione, dagli eventi che precedettero la concessione dello Statuto alla prima guerra d’indipendenza, l’abdicazione di Carlo Alberto e l’ascesa al trono di Vittorio Emanuele II, il Parlamento subalpino e l’entrata in scena di Camillo Cavour, la seconda guerra d’indipendenza e i plebisciti. Inoltre illustra la composizione del primo Parlamento italiano con le biografie di tutti i senatori e deputati che ne fecero parte. Se l’aula del Senato è stata ricostruita in occasione delle celebrazioni del 150° dell’Unità nella sua naturale sede storica a Palazzo Madama, della prima Camera dei deputati del Regno d’Italia non restava alcuna traccia materiale, poiché fu abbattuta quando la capitale fu trasferita da Torino a Firenze. Tuttavia l’Archivio Storico della Città, sulla base delle fonti iconografiche, ha potuto realizzare un plastico che riproduce fedelmente gli scranni dei singoli deputati, corredato da un impianto di fibre ottiche che consente di individuarne l’area politica di appartenenza.

I volti della Storia
dallo Statuto albertino al primo Parlamento italiano

Documenti in mostra
Torino, Archivio Storico della Città
via Barbaroux 32
30 maggio – 30 novembre 2011

Orario:
da lunedì a venerdì 8,30-16,30

Luglio e agosto: lunedì, mercoledì, giovedì 8,30-16,30
martedì e venerdì 8,30-13,30
Festivi chiuso

Ingresso libero
Catalogo: 5 euro
Tel. 011 4431811

Read Full Post »

Il Museo Regionale di Scienze Naturali  presenta “Eroica. Eroi Noti e Ignoti. Dal Risorgimento, il Futuro”, mostra personale di Daniele Fissore. Cinquanta opere pittoriche ispirate ai personaggi che hanno fatto l’Unità d’Italia. Ritratti che interpretano e rivisitano, in chiave contemporanea, i monumenti scultorei dedicati ai protagonisti del Risorgimento.

Fissore decontestualizza l’opera scultorea a dichiarare l’appartenenza del personaggio a qualsiasi città d’Italia. In questi dipinti si condensano: interpretazione pittorica, riferimenti scultorei e svelamento del tratto psicologico dei singoli protagonisti.

La ricerca parte da Santorre di Santarosa per estendersi a Silvio Pellico, Giuseppe Mazzini, Vittorio Emanuele II, Guglielmo Pepe, Lajos Kossuth, Vincenzo Gioberti, Cesare Balbo, Giuseppe Verdi, Carlo Alberto, Massimo D’Azeglio, Cavour e Giuseppe Garibaldi.

Il Risorgimento di Fissore prosegue nel tempo, attraverso la Resistenza, per arrivare a oggi. Da qui il monumento all’Eroe Ignoto,che Fissore ritrae di spalle, volutamente anonimo: è un eroe comune, uomo, donna, contemporaneo, che rappresenta emblematicamente il lavoro quotidiano di affermazione dei diritti civili e dei valori democratici su cui si fonda la Repubblica italiana.

Periodo di apertura al pubblico

Dal 17 giugno al 31 luglio 2011

Orario

Tutti i giorni: 10 – 19
Chiuso il martedì

Informazioni

Biglietteria MRSN: 011 4326354
Numero verde InfoMuseo: 800 329 329
Centro didattico MRSN: 011 4326307/34/37 – didattica.mrsn@regione.piemonte.it

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: